Nelle murature intonacate non è raro trovarsi di fronte al fastidioso fenomeno delle efflorescenze saline, soprattutto nelle opere interrate o semi-interrate.

Esse si presentano, difatti, a causa dell’umidità di risalita e si riconoscono principalmente dalla formazione di macchie bianche sui componenti della struttura.

Si tratta di un fenomeno da tenere particolarmente sotto controllo poiché, ignorandolo, potrebbe aggravarsi a dismisura: le fioriture in rilievo sono capaci di raggiungere dimensioni importanti e l’igroscopicità del sale fa sì che l’umidità assorbita dalle efflorescenze diminuisca la visibilità del problema fino a che i cristalli non si siano asciugati completamente.

Quando ciò accade, i cristalli stessi si accumulano nel punto di evaporazione e riacquisiscono il proprio volume iniziale, espandendosi con forza e andando a sgretolare intonaco e parti di muro, se non addirittura intaccando mattoni e pietre della struttura.

In più il problema non è sempre identificabile a vista d’occhio: se le formazioni saline si trovano tra intonaco e pittura, ad esempio, esiste una reale possibilità che si vadano a creare delle bolle d’aria che, aumentando di volume, possono sgretolare la pittura. In casi estremi di murature con presenza di forte salinità, i cristalli di sale possono addirittura scollare dal muro i rivestimenti!

Le soluzioni Azichem da integrare in caso di risanamento delle murature interrate o semi-interrate (argomento già affrontato qui) per contrastare questo specifico fenomeno consistono in:

  • Rimozione delle efflorescenze saline durante le operazioni di pulizia di supporti
  • Applicazione preventiva di DETERG-A, soluzione concentrata di acidi tamponati opportunamente diluita con acqua in funzione della natura e delle dimensioni delle rilevanze saline da rimuovere
  • Applicazione a spruzzo o a pennello di specifici inibitori della motilità salina:
    SANAREG, in soluzione acquosa, se la muratura da trattare, al momento dell’applicazione, è leggermente umida
    FEST SALZ, in solvente, se la muratura da trattare, al momento dell’applicazione, è asciutta

Data la complessità del problema e le elevate capacità “mimetiche” delle efflorescenze saline all’interno delle strutture, è però vivamente consigliato contattare i nostri operatori per una consulenza completa in merito agli interventi da effettuare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi commento