Le infiltrazioni d’acqua rappresentano la principale causa di degrado degli ambienti sotterranei non adeguatamente protetti e impermeabilizzati: infatti, la spinta idrostatica dovuta a falda freatica o all’umidità stazionante nel terreno sui cui poggiano le fondamenta tende a raggiungere l’interno interrato attraverso fessure, vespai o vuoti capillari.

I primi segnali a cui prestare attenzione? Lo scrostamento della pittura murale, seguita da deterioramento e distacco dell’intonaco, nonché la presenza di muffe, cattivi odori ed efflorescenze saline.

Non solo: a causa della maggiore dispersione termica, l’elevato tasso di umidità contribuisce all’incremento dei costi per la climatizzazione di questi ambienti.

La soluzione? Procedere all’impermeabilizzazione interna e/o esterna delle strutture di contenimento con gli impermeabilizzanti cementizi osmotici della linea Osmocem.

Si tratta di boiacche, malte e intonaci studiati per essere altamente adesivi e penetranti nei supporti grazie a una profonda diffusione osmotica che li rende idonei sia in condizioni di spinta idrostatica diretta (positiva) sia in contro-spinta (negativa).

Tali caratteristiche risultano molto più performanti rispetto alle tradizionali barriere impermeabili, costituite perlopiù da teli prefabbricati sintetici o bituminosi collocati nelle stratificazioni strutturali in corso d’opera.

Ideali per impermeabilizzazioni “speciali”, le soluzioni Osmocem consentono invece di intervenire sia in corso d’opera, per sostituire impermeabilizzanti tradizionali, sia in caso di adeguamenti successivi.

Rigidi, deformabili e flessibili, i composti Osmocem rappresentano una soluzione affidabile e dinamica in grado di risolvere problemi di impermeabilità, tenuta ermetica e infiltrazioni negli edifici civili e industriali, nonché nelle opere idrauliche e infrastrutturali.

Visitando la pagina http://www.osmocem.it troverete tutte le informazioni necessarie sulla linea di di prodotti sviluppata da Azichem, inclusi esempi di impiego, particolari esecutivi e tutti i dettagli sulle procedure di applicazione e sui supporti trattabili, che includono balconi e coperture, terrazze, scale, vasche, piscine e box doccia, acquedotti e serbatoi, canalizzazioni e condotte, fosse ascensori, cantine e autorimesse, opere sotterrane e contro terra in genere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Invia commento