Con la legge di bilancio 2018 (legge n. 205 del 27 dicembre 2017) è stata prorogata fino al 31 dicembre 2018 la detrazione fiscale del 65% per gli interventi relativi all’efficientamento energetico degli edifici.

L’agevolazione permette di detrarre dall’Irpef o dall’Ires parte delle spese sostenute per:

  • ridurre il fabbisogno energetico consumato per il riscaldamento;
  • migliorare le prestazioni termiche degli edifici con coibentazioni, pavimenti, finestre comprensive di infissi;
  • installare pannelli solari;
  • sostituire gli impianti di climatizzazione invernale.

Perché venga riconosciuta la detrazione del 65% di cui sopra, le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2018 devono ottemperare ai parametri tecnici e di spesa indicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Sulla stessa pagina è possibile consultare la casistica secondo la quale, per alcune spese sostenute dal 1º gennaio 2018, la detrazione risulta invece essere del 50%.

La detrazione rimane al 65% sugli interventi condominiali relativi a parti comuni degli edifici o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, mentre sale al 70% per gli interventi sull’involucro con un’incidenza superiore a ¼ della superficie e al 75% per il miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva.

Segnaliamo anche che, nei casi in cui le spese siano sostenute per interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, la detrazione viene maggiorata all’80% se gli interventi determinano il passaggio a una classe di rischio inferiore o all’85% se si passa a 2 classi di rischio inferiori.

Per ottenere l’agevolazione bisogna effettuare il pagamento dei lavori con bonifico bancario o postale e adempiere a una serie di consegne che, così come tutte le specifiche e le norme relative alla detrazione fiscale in questione, sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi commento