Quando il più che centenario calcestruzzo armato vide la luce agli inizi del secolo scorso, assieme a esso nacque l’errata convinzione che si trattasse di un materiale eterno e incrollabile.

Oggi sappiamo che non è così e, alle canoniche cause di degrado strutturale, si aggiungono ulteriori fenomeni degenerativi dovuti a un’iniziale, datata nel tempo, incuria sulla qualità finale dei manufatti, risalente alla fase di produzione.

Si pensava che le opere in calcestruzzo armato sarebbero state immortali, dalle più piccole alle più grandi, e ora molte di esse si stanno deteriorando sotto gli occhi di tutti.

È giunto quindi il momento di recuperare il calcestruzzo ammalorato, effettuando diagnosi approfondite su tutte le possibili cause di degrado, e di approntare sostanziali modifiche nel settore produttivo affinché le nuove opere in cemento armato tengano conto sia delle caratteristiche meccaniche strutturali sia dell’ambiente di esposizione dei manufatti.

CONCRETE REPAR nasce per realizzare in sicurezza totale le nuove costruzioni e per riparare, ripristinare, consolidare e proteggere le strutture in cemento armato esistenti.

Da una diagnostica approfondita si evince la corretta tipologia di intervento da applicare, preparando preventivamente, coi dovuti riguardi e strumenti, le superfici oggetto del lavoro e rispettando alla lettera la procedura più adatta per il caso specifico da affrontare.

Questa dovizia di particolari permette a CONCRETE REPAR di presentarsi al pubblico come la soluzione migliore per una variopinta categoria di opere, che comprende:

  • ponti e viadotti, gallerie stradali e idrauliche;
  • dighe, bacini di carenaggio, darsene;
  • linee metropolitane, aeroporti, strade e autostrade, ferrovie;
  • opere fluviali, gasdotti, oleodotti, acquedotti;
  • discariche su roccia, fognature, impianti di depurazione o di smaltimento rifiuti;
  • pavimenti e impianti industriali in genere.

Per saperne di più su come intervenire sul calcestruzzo armato, visita il sito https://www.concrete-repar.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment